Lunedî 23 Ottobre 2017 - 20:47

Sito d'informazione on line dal 2001

IsolaBasket.it

Sito d'informazione on line dal 2001



Passa il Real, ma al Serradimigni è festa

di Erika Gallizzi | 13.12.2014 - ore 03:45


Foto Salvatore Madau

SASSARI – E’ stata una festa, iniziata e finita con applausi per tutti, come era giusto che fosse. Alla Dinamo, priva di Sanders ed in extremis anche di Jeff Brooks (influenza), non è riuscita l’impresa, ma il modo in cui ha salutato l’Eurolega di fronte ai propri tifosi è stato assolutamente dignitoso. Il punteggio finale è stato di 83-58, uno scarto piuttosto severo perché nell’ultimo quarto gli uomini di coach Sacchetti non hanno più avuto la forza di rispondere all’ultimo break di Rudy Fernandez e compagni, cosa che erano riusciti a fare in tutto il resto della partita. Una gara iniziata davvero male, con il canestro che per la Dinamo pareva stregato (i primi due punti biancoblù sono arrivati a 3’31" dalla prima sirena). Poi la reazione, un parziale di 15-0, diventato 18-2 alla fine dei primi 10’ di gioco, chiusi con il naso avanti. E’ sempre stato il Real Madrid a fare il break per primo, la Dinamo ha rincorso ritornando sempre in partita, a ridosso degli spagnoli, fino alla terza sirena, suonata sul 51-54. Decisamente meglio con in campo la coppia Sosa-Lawal piuttosto che Dyson-Todic (che non sembrano avere un gran feeling) e con Devecchi e Sacchetti a mettere tanto cuore. E’ andata. Manca la trasferta di Kaunas, poi da gennaio si tornerà all’Eurocup.

Queste le dichiarazioni di coach Sacchetti al termine della gara: "Abbiamo recuperato due grossi svantaggi, uno nel primo tempo ed uno nel secondo, con un notevole sforzo per arrivare a giocare la partita, poi abbiamo sbagliato, nell’ultimo quarto, dei tiri aperti, un po’ per stanchezza e scarsa lucidità. Non siamo più riusciti a sviluppare l’aggressività che ci aveva permesso di tornare in partita precedentemente. Probabilmente avevamo già dato tutto. Ma devo dire che l’ultimo quarto non mi fa cancellare ciò che di buono avevamo fatto prima. Non c’è da rammaricarsi su questa partita, abbiamo avuto un atteggiamento importante in campo".

Il coach del Real Madrid, Pablo Laso, è contento della gara condotto dai suoi: "Complimenti alla squadra, che ha fatto un buon lavoro nell’arco dei quaranta minuti. Conoscevamo l’aggressività con la quale gioca la Dinamo e questo ci ha creato qualche difficoltà con le palle perse. Comunque nel secondo tempo, in particolare nell’ultimo quarto, abbiamo giocato molto meglio, muovendo bene la palla ed alla fine abbiamo trovato una vittoria sempre importante in Eurolega. Ora pensiamo alla prossima partita, in cui giocheremo contro l’Efes per il primo posto del girone".

Intanto nel pomeriggio, prima della partita, la Dinamo aveva ufficializzato l’acquisto di Cheikh Mbodj, pivot classe ’87, 208 cm per 107 kg, nativo di Dakar, prelevato dalla Pallacanestro Cantù. Mbodj non potrà esordire lunedì a Trento perché, come detto da coach Sacchetti, non si è riusciti a perfezionare il tesseramento entro i termini previsti dal regolamento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA






INVIACI NEWS/RISULTATI/TABELLINI SEGNALACI UN ERRORE


NEWS IN EVIDENZA IN QUESTA CATEGORIA


Campionati Maschili > Euroleague > IB News

foto Salvatore Madau

18.12.2014 - ore 23:17

La Dinamo chiude a Kaunas la propria esperienza in Eurolega

[foto Salvatore Madau] CAGLIARI - Ultimo match di questa prima Eurolega della storia della Dinamo Sassari, che chiude il proprio cammino nell’elite del basket europeo nel freddo di Kaunas. Partita che si giocherà domani, con inizio alle ore 18:45, senza tante pretese per la squadra ... leggi tutto

Campionati Maschili > Euroleague > IB News

19.12.2014 - ore 22:19

La “panchina” della Dinamo sfiora la vittoria a Kaunas

Finisce 80-79 per lo Zalgiris l’ultima partita della Dinamo in Eurolega. Un canestro più libero aggiuntivo di Anderson, messi a segno a 2.5" dalla sirena, hanno tolto ai biancoblù sassaresi la soddisfazione della vittoria e dato, invece, la settima sconfitta consecutiva ... leggi tutto