Mercoledî 26 Aprile 2017 - 23:26

Sito d'informazione on line dal 2001

IsolaBasket.it

Sito d'informazione on line dal 2001



Il Nizhny Novgorod passa a Sassari

di Erika Gallizzi | 22.11.2014 - ore 04:41


foto Salvatore Madau

Per la Dinamo il cammino in Eurolega è sempre più in salita

[foto Salvatore Madau]

SASSARI – La Dinamo non è riuscita a ripetere la splendida prestazione mostrata una settimana fa contro lo Zalgiris Kaunas ed il Nizhny Novgorod ha trovato un’importantissima vittoria al PalaSerradimigni. Il punteggio finale dice 89-82 per i russi e per la Dinamo, ora, la possibilità di accedere alla seconda fase della Turkish Airlines Euroleague diventa veramente una "mission impossible". La squadra di coach Sacchetti non ha trovato la stessa verve difensiva, ma soprattutto è tornata ad evidenziare le già note lacune in attacco, nelle letture delle situazioni. Inoltre quando si regalano, contemporaneamente, due giocatori come Logan e Dyson, punte di diamante del mercato estivo, pensare di vincere diventa velleitario.

Ci sono ancora quattro partite da giocare, col coltello tra i denti e "senza pressioni", come ha dichiarato Brian Sacchetti in sala stampa, ma la situazione è veramente difficile. La squadra più vicina alla Dinamo, in classifica, è l’Unics Kazan che rispetto ai biancoblù ha una sola vittoria in più, ma anche un agevole +23 da difendere nello scontro diretto (tra due settimane, al PalaSerradimigni). Nel prossimo turno il Banco, seguito da tanti tifosi, farà visita all’Efes Istanbul, mentre Kazan andrà a Madrid. Superfluo dire che un lumicino di ulteriori speranze potrebbe restare acceso nel caso in cui il Banco riuscisse a fare il colpaccio, contemporaneamente ad una sconfitta dell’Unics.

Queste le parole di coach Meo Sacchetti al termine della gara: "Sono scontento perché dopo il break abbiamo fatto delle cattive letture in attacco e dall’altra parte Rochestie ci ha ammazzato con una grande pallacanestro. Per quanto riguarda la difesa, ho visto un grande difensore come Kinsey, che nel primo quarto ha fatto un’ottima difesa su Dyson, nel terzo su Sanders in un paio di azioni. Nel momento cruciale della partita, dopo il break importante che eravamo riusciti a fare, abbiamo letto male le situazioni offensive. Abbiamo degli ottimi momenti, poi torniamo ad incappare nei problemi di lettura. E’ una cosa che ci portiamo dietro da tempo. Questo, per noi, è evidentemente lo step più difficile da affrontare, per arrivare a trovare dei tiri più facili di quelli che facciamo".

Stato d’animo differente, ovviamente, per coach Bagatskis: "Tutta l’Europa sa quanto sia bello e piacevole giocare qui. Bella palestra, pubblico eccellente, squadra di casa aggressiva. Voglio ringraziarvi per questa splendida atmosfera. Sapevamo che sarebbe stata una partita dura, dovevamo avere pazienza e disciplina per tutta la partita. All’inizio del terzo quarto siamo stati troppo morbidi, ma dopo un timeout piuttosto duro, abbiamo cambiato qualcosa, giocando senza un lungo. In questo modo abbiamo un po’ mischiato le carte ed allo stesso tempo abbiamo iniziato a giocare più aggressivi. Abbiamo anche segnato alcuni canestri rapidi, Rochestie e Kinsey sono andati a canestro quando era necessario. Siamo stati capaci di tornare in partita e vincere".


© RIPRODUZIONE RISERVATA






INVIACI NEWS/RISULTATI/TABELLINI SEGNALACI UN ERRORE


NEWS IN EVIDENZA IN QUESTA CATEGORIA


Campionati Maschili > Euroleague > IB News

foto Salvatore Madau

28.11.2014 - ore 23:45

La Dinamo sprofonda ad Istanbul

[foto Salvatore Madau]   SASSARI – Pesante sconfitta per la Dinamo Sassari alla Abdi Ipekci Arena di Istanbul, sotto gli occhi di circa 150 tifosi, accorsi in Turchia per continuare a respirare l’aria del sogno chiamato Eurolega. L’Anadolu Efes si è imposta con il ... leggi tutto

Campionati Maschili > Euroleague > IB News

foto Salvatore Madau

13.12.2014 - ore 03:45

Passa il Real, ma al Serradimigni è festa

Foto Salvatore Madau SASSARI – E’ stata una festa, iniziata e finita con applausi per tutti, come era giusto che fosse. Alla Dinamo, priva di Sanders ed in extremis anche di Jeff Brooks (influenza), non è riuscita l’impresa, ma il modo in cui ha salutato l’Eurolega ... leggi tutto