Giovedî 19 Ottobre 2017 - 07:25

Sito d'informazione on line dal 2001

IsolaBasket.it

Sito d'informazione on line dal 2001



La Dinamo inaugura l’era Sacchetti

Mercato giocatori in ebollizione ma ancora non sono annunciati acquisti

07.07.2009


SASSARI. Si comincia. Anzi, si ricomincia. Passata la paura (della scomparsa della società), smaltita la delusione (la Serie A sfuggita per due rimesse da metà campo), la Dinamo inaugura ufficialmente oggi la stagione 2009/10 con la presentazione di Meo Sacchetti.
 Viaggio-lampo. Il nuovo coach del Banco è arrivato ieri poco prima dell’ora di pranzo e stamattina verrà presentato ufficialmente con la rituale conferenza stampa, quindi ripartirà immediatamente per concludere il suo camp. Della sua biografia si sa tutto, è uno dei personaggi più conosciuti del basket italiano, oggi illustrerà i programmi. Ha un compito impegnativo: non è semplice prendere in mano una squadra reduce da due stagioni strepitose nelle quali ha giocato una finale promozione e una Final Four, conquistando anche un terzo posto nella regular season. La Dinamo non può permettersi proclami o impostare campagne acquiste faraoniche, non può pensare di partire per ripetersi o migliorarsi perché ci sono società che possono spendere (anzi, stanno già spendendo) tanti soldi. Però si può tranquillamente dire che l’habitat naturale del basket sassarese è quello della zona-playoff e anche questa volta la società sembra intenzionata a mantenerlo. Oggi si saprà qualcosa di più.
 Il mercato. In piena ebollizione ma ancora non emerge niente. Ieri il general manager Pinuccio Mele ha escluso che oggi, assieme a Meo Sacchetti, venga ufficialmente annunciato l’arrivo di qualche giocatore: «Stiamo lavorando intensamente» è stato il laconico commento. Il presidente Luciano Mele è pronto a rituffarsi nella stagione, dopo la tempesta del mese scorso: «Se penso a quei giorni ho ancora i brividi, l’alternativa alla cessione della Dinamo era quella di mettere seriamente in pericolo le nostre aziende e i posti di lavoro dei dipendenti. E voglio ancora ringraziare il governatore della Sardegna Ugo Cappellacci, al quale va dato atto di aver risolto i problemi e chiarito la situazione avendo in mente una sola cosa: la Dinamo non si deve muovere da Sassari. Noi faremo come sempre la nostra parte, adesso ci aspettiamo che la città faccia la propria».
 Abbonamenti. La campagna per la stagione 2009/10 è ufficialmente partita qualche giorno fa e le prime risposte dei tifosi sono state molto positive. In particolare, sono andati subito a ruba i nuovi posti numerati delle gradinate dietro i canestri e il traffico di appassionati nella sede è intenso, così come le telefonate. A questo proposito resta valido il termine del 15 luglio come ultimo giorno utile per esercitare il diritto di prelazione per mantenere lo stesso posto della scorsa stagione. Continua anche l’opera del Comitato per la Dinamo per la raccolta delle quote da 100 euro e gli abbonamenti da 1.000 euro.

Autore: di Roberto Sanna

Fonte: La Nuova Sardegna


© RIPRODUZIONE RISERVATA